Dove piazzare i propri soldi nel 2019

Dove piazzare i propri soldi nel 2019

L'anno 2018 è stato difficile sui mercati (se ci poniamo nell'approccio tradizionale di acquisto del tipo di investitori a lungo termine). Cosa succederà in questo nuovo anno 2019 ?

Ecco una panoramica globale dei mercati sul 2018. Sugli indici azionari negli Stati Uniti, il Nasdaq100 perde il 2% e lo S&P500 scende di quasi l'8%. In Francia, il CAC40 molla il 12% mentre i nostri amici tedeschi sono ancora meno fortunati con un calo del 18%. L'Asia non fa molto meglio : in Giappone il Nikkei225 perde il 12% e in Cina l'indice A50 cala del 21%.

Se guardiamo dal lato delle materie prime, nulla che possa far gioire l'investitore che cerca di diversificare: l'oro perde il 2.5%. Per il petrolio (curva blu sul grafico) l'anno 2018 termina con una caduta annua del 24%. Su questo asset, le variazioni sono state molto volatili, con un calo del 48% nell'ultimo trimestre.

Infine, sulle obbligazioni, quelle americane a 10 anni terminano con un aumento di quasi il 6%. Interessante, ma non sarà in grado di coprire le perdite dei mercati azionari !

Le azioni : approfittare del calo

L'incertezza plana sulle azioni. I recenti e bruschi cali hanno spaventato alcuni investitori che hanno preferito vendere i loro titoli. Ad ogni modo, è senza dubbio il momento giusto per fare acquisti ! In effetti, se ci si posiziona in una prospettiva a lungo termine, i ribassi sono molto interessanti. Questo è il momento di riequilibrare il proprio portafoglio, di esaminare attentamente le valutazioni delle aziende, e di trovare dei titoli scontati che avranno un buon potenziale nel 2019 e oltre. Attenzione comunque, deve prevalere la cautela. Per questo motivo, sarà necessario piuttosto essere molto selettivi e rovistare nell'universo globale delle azioni per identificare titoli promettenti.

In effetti, non si dovrà esitare ad uscire dal quadro italiano. Forse analizzare le società nordiche? Dare un'occhiata a cosa sta succedendo nei mercati emergenti ?

In questa dinamica al ribasso e rischiosa, lo stock-picking è quindi appropriato, e senza dubbio si tralasceranno i grandi indici classici.

Tassi e materie prime

Vanno scrutati nel 2019 i mercati dei tassi (quindi obbligazioni) e delle materie prime. In effetti, la Fed ha iniziato ad innalzare i tassi nel 2018. Continuerà su questa strada ? L'economia americana è così solida a breve termine ? Probabilmente ... o no ! È un mercato da non trascurare dove si potranno cogliere molte opportunità. Anche in questo caso, non dobbiamo esitare a frugare nelle politiche monetarie dei diversi paesi. Non sono solo gli Stati Uniti o l'Europa a giocare con i loro tassi chiave.

Sulle materie prime, c'è petrolio e oro, certamente, ma non solo! Come con le azioni, sarebbe bene dare un'occhiata più da vicino a ciò che sta accadendo sugli energetici, metalli e materie prime agricole. Così possiamo propendere ad esempio al platino, al palladio, al grano, mais o rame…

Trading e volatilità

Ne è la prova il VIX (volatilità relativa allo S&P500), la volatilità globale nei mercati dovrebbe essere molto presente e relativamente alta nel 2019. Ciò è molto positivo per il trading. Collocare una parte del proprio denaro nel 2019 sui prodotti leggermente più rischiosi, ad esempio dal 5 al 10% del proprio portafoglio, può rivelarsi fruttuoso.

I mercati rigurgitano di opportunità. Le ampie fluttuazioni consentono di fare delle buone operazioni. Quando non è chiaro quale mercato trattare, un primo passo è confrontare gli asset in termini di volatilità. Quindi privilegeremo i prodotti le cui varianti danno molte idee ai trader. E' impossibile fare qualsiasi cosa su un mercato piatto e amorfo ! Tuttavia quando si « muove », verso l'alto e/o verso il basso, c'è qdi che divertirsi...

E le criptovalute in tutto questo ?

Non me ne sono dimenticato… Il Bitcoin e le criptovalute nel 2018 hanno avuto un anno molto difficile. E'crollato tutto. I detentori e i ferventi credenti in queste nuove valute virtuali hanno stretto i denti. Il dibattito infuria e la domanda scottante sulla bocca di tutti è questa : vedremo nel 2019 (o oltre) una ripresa di fiamma dei prezzi ? O semplicemente quella del 2017, l'anno in cui tutto è esploso in aumento, sarà stata solo una storia incredibile ?

In altre parole, si possono considerare le criptovalute come coma classe di asset a parte completa o no ? Alcuni pensano che tutto ciò sia solo una gigantesca truffa. Da parte mia, penso che non faccia male detenere un piccolo portafoglio di diverse criptovalute : non si sa mai, possiamo ancora assistere ad un aumento nei prossimi mesi, anche se sembra improbabile nella configurazione corrente.

E non dimentichiamoci dell’immobiliare !

Mentre i mercati caotici possono spaventare alcuni, il settore immobiliare rimane un valore sicuro. Con la liquidità disponibile possiamo quindi eventualmente dare un contributo per prendere a prestito e scommettere sull'investimento locativo. Il settore immobiliare non è miracoloso, ma consente di utilizzare la così apprezzabile leva del credito. In generale, non è molto saggio acquistare cash dei beni immobili, ad eccezione di una residenza principale. Attualmente i tassi sono ancora molto convenienti. Non dobbiamo privarcene.

Inoltre, grazie a diverse strategie, i rendimenti potenziali possono essere molto più elevati (e meno rischiosi) di quelli che ci possiamo attendere dai mercati, specialmente in condizioni incerte. Quando si ha l'opportunità di prendere in prestito dei soldi dalla banca, non bisogna esitare a farlo. Al contrario, non farlo sarebbe una errore !

  Tasso Eccellente Tasso Molto Buono Tasso Buono*
15 Anni = 1,05 = 1,19 = 1,40
20 Anni = 1,17 1,39 = 1,60
25 Anni = 1,25 1,58 = 1,80

In Breve

Per il 2019 le due parole chiave sono « diversificare » e « selezionare » !

Va meglio, come spesso accade, non mettere tutte le proprie uova in un cesto. Useremo quindi i principi fondamentali dell'asset allocation : azioni, obbligazioni, materie prime ... ma anche proprietà immobiliari.

In ogni categoria, quindi, consiglio la selezione dei valori piuttosto che il monitoraggio delle tendenze globali : fare uno stock-picking sulle azioni e obbligazioni, scovare dei beni immobili al di sotto del prezzo di mercato con dei lavori da fare…

Infine, conservare al contempo dei soldi da parte per tutto l'anno per reagire se necessario e cogliere le opportunità che si presenteranno di sicuro.

Ultimo aggiornamento il 15/01/19

Continuare questa discussione sul forum