Dove si devono investire i propri soldi durante la crisi del Coronavirus?

Dove si devono investire i propri soldi durante la crisi del Coronavirus?

Una violenta flessione del mercato

Il crollo dei mercati azionari mondiali a seguito della pandemia di coronavirus è stato violento. Lo è ancora. Siamo infatti entrati in un mercato ribassista nella maggior parte dei mercati azionari (un calo di oltre il 20% rispetto all'ultimo picco dell'anno).).

La diffusione del covid-19 è tutt'altro che finita, anche se il contenimento è ampiamente adottato in quasi 60 paesi. È quindi improbabile che i mercati ricomincino a ripartire a breve, anche se è probabile che si verifichi una forte volatilità, sia al rialzo che al ribasso.

Quindi, può essere il momento giusto per entrare nei mercati, o per iniziare ad entrarvi, almeno certamente per pensarci. Ma dove e come investire in queste condizioni più che incerte? Non dovremmo semplicemente aspettare che questa crisi sanitaria si plachi e che l'economia inizi a riprendersi? Non siamo al sicuro da un calo ancora più violento dei mercati, anche se sembrano essersi ripresi alla fine di marzo 2020..

Ma... dopo un tale tracollo dei prezzi, è normale vedere il mercato rimbalzare qua e là....

Quindi, che si fa ?

Quindi non si tratta certo di cercare di trovare o aspettare il punto più basso del mercato. Nessuno può farlo, e solo dopo averlo fatto si può dire: «il punto più basso era lì... ».

Nonostante queste incertezze, sarebbe sciocco non approfittare di questa situazione borsistica, qualcuno direbbe di approfittare dei  "saldi". Ma quale strategia adottare? Cosa comprare e quando comprarlo?

Ci sono due teorie in competizione, quelle che cercheranno di selezionare azioni o settori specifici e quelle che adotteranno una strategia globale. Da parte mia, io opto per la seconda opzione.

In poche parole, è il dibattito tra gestione attiva e passiva.

Rispetto alla situazione attuale e per i mesi a venire, infatti, alcuni settori e aziende troveranno molto difficile tirare avanti e saranno duramente colpiti sui mercati, probabilmente più della media. D'altra parte, altri ne saranno meno colpiti. La sfida per la gestione attiva e per coloro che desiderano posizionarsi su specifici titoli è quella di trovare le aziende o i mercati che avranno le migliori performance nei prossimi mesi. E questo non è un compito facile. Naturalmente, sappiamo che i settori dei trasporti e del turismo saranno, e già lo sono, pesantemente colpiti.  Ma poi cosa c'è? Come trovare gli studenti giusti ?

A titolo personale, ho quindi optato per una strategia globale e a lungo termine che è simile alla gestione passiva. In altre parole, si tratta di acquistare l'intero mercato azionario (con S&P500 o World ETF) periodicamente e automaticamente, ad esempio ogni settimana o ogni mese. Grazie a questo semplice metodo, non mi preoccupo di quando il mercato aumenterà davvero, e approfitto dei ribassi. È anche una pratica molto più prudente. Perché cercando di selezionare le singole azioni, si può guadagnare di più, ma d'altra parte si può perdere molto.

Su quali mercati posizionarsi ?

Finora abbiamo parlato del mercato azionario. Ma ci sono anche le obbligazioni (governative e aziendali), le materie prime come l'oro, le valute, le criptovalute... o gli immobili.

Ad esempio, dovremmo scommettere sull'oro? È un classico rifugio in tempi di crisi o di incertezza. Vale la pena di esaminarlo, ma non dovrebbe rappresentare o pesare troppo nella propria allocazione degli attivi.

Inoltre, possiamo dare un'occhiata più da vicino alle obbligazioni e ai tassi d'interesse, che hanno subito un altro colpo di recente. Il tasso statunitense a 10 anni è passato dall'1,50% allo 0,60% in poche settimane, con un calo del 60%.!

La parola d'ordine, come spesso accade, è diversificazione. Nel lungo termine, il mercato azionario è il più remunerativo..

Inoltre, una volta che l'epidemia sarà finita, le economie mondiali potrebbero avere difficoltà a ripartire, ma la macchina ripartirà, aiutata dai massicci flussi di liquidità delle banche centrali.

In altre parole, anche se c'è un posizionamento tattico a breve termine che può essere implementato, dobbiamo già pensare al lungo termine.

E dopo la guerra al Covid-19 ?

Per quanto riguarda il lungo termine, ci sono anche qui due pensieri opposti: quelli che prevedono che tutto o quasi tutto tornerà come prima, questa è la mia posizione, e quelli che invece pensano che dopo questa crisi sanitaria/economica, molte cose cambieranno e che « niente sarà più come prima».

Per me, la prima opzione è la più probabile: la storia ci ha dimostrato che, nonostante le crisi, qualunque esse siano, l'economia liberale e i mercati finanziari si riprendono e vanno avanti « come al solito ». Questo può essere cinico, ma è la realtà.

Il passaggio a un'economia verde e socialmente responsabile non ha atteso l'inizio del coronavirus. E in questa consapevolezza globale, se ce n'è una, l'economia di mercato resisterà e rimarrà intatta..

Cosa ne pensate? Covid-19, lo stato di emergenza, il confinamento... faranno la differenza? I mercati finanziari saranno messi in discussione? L'attuale sistema globale sarà messo sottosopra da un virus?

Ultimo aggiornamento il 17/04/20

Continuare questa discussione sul forum