Bitcoin e Criptovalute : Perché i prezzi scendono?

Bitcoin e Criptovalute : Perché i prezzi scendono?

Patatrac !

Ora le cose sono chiare: le criptovalute non valgono nulla! In ogni caso, è ciò che i mercati stanno cercando di dimostrare.

Tutte le criptovalute ci passano, guardate piuttosto l'evoluzione dei prezzi di alcuni dei prodotti di punta dall'inizio del 2018: -73% sul Bitcoin (BTC), -58% per EOS, -71% il Ripple (XRP), -84% per il nostro amico Ethereum (ETH) e un bel -92% sul DASH…

Promemoria sul Bitcoin

Ma concentriamoci sul Bitcoin. Si tratta della criptovaluta più antica e più liquida. La sua capitalizzazione di mercato, che è di circa 70 miliardi di dollari, è anche la più consistente. Il Bitcoin rappresenta qualcosa come il 54% del mercato delle criptovalute.

Ma cos'è esattamente il Bitcoin? È una valuta digitale decentralizzata che utilizza la tecnologia peer-to-peer e quindi opera senza autorità né una banca centrale. È la rete stessa che gestisce le transazioni di bitcoin, facilitata dai marketplace in cui è possibile acquistare o vendere effettivamente Bitcoin.

Il Bitcoin è « open-source ». E' concepito per essere pubblico, tutti vi possono partecipare, nessuno possiede o controlla questa valuta da solo. Il Bitcoin facilita le transazioni a livello globale e risolve i problemi dati dalle numerose limitazioni dei sistemi di pagamento e delle valute correnti e classiche.

Il Bitcoin utilizza più generalmente la tecnologia « blockchain » che rende i pagamenti più veloci, sicuri e più efficienti, causando così uno shock nelle transazioni internazionali.

Oggi il Bitcoin può essere utilizzato per acquistare molti prodotti online o presso alcuni commercianti.

Le ragioni di questo declino

La speculazione al rialzo che abbiamo visto nel 2017 è indubbiamente all'origine del declino del 2018. La questione è la seguente: è basata su dei « fondamentali » o no ?

La maggior parte degli acquirenti si è rivolta al Bitcoin nel 2017 quando i media hanno creato del fermento sulla questione. Il Bitcoin poteva infatti già essere acquistato sin dal 2009, anche se le piattaforme di trading erano quasi inesistenti. È solo a poco a poco che il fenomeno Bitcoin ha acquisito una maggiore portata, fino a diventare la « bolla speculativa » di fine 2017. Le bolle sono lì lì per esplodere. In questa prospettiva, il recente declino è abbastanza normale.

Ciò che è più preoccupante è ciò che pensano gli investitori. In questo frangente, il mercato mostra che non credono più nel futuro del Bitcoin.

A livello grafico, ciò è piuttosto spaventoso. La dinamica è chiaramente ribassista ed è molto difficile trovare argomenti per l'ascesa, o trovare una qualsiasi linea di supporto.

Inoltre, dal punto di vista della gestione del rischio, la paura ha attanagliato i titolari di Bitcoin. Preferiscono vendere ora piuttosto che sperare e aspettare una possibile ripresa in un futuro più o meno prossimo. Ma quando tutti sono spaventati e in preda al panico, non è proprio quello il momento migliore per comprare?

E il futuro in tutto ciò

Ben astuto è colui che può prevedere cosa succederà in seguito. D'altra parte, le posizioni degli uni e degli altri sono chiare e ben definite.

Infatti, nel campo dei pessimisti (o dei realisti, si può dire), beh, per questi questo mondo andrà presto a zero. Semplicemente. Che si tratti di Bitcoin o di altre valute virtuali, non valgono assolutamente nulla.

Per gli ottimisti, la blockchain e il Bitcoin rivoluzioneranno i prossimi anni nello stesso modo in cui Internet ha rivoluzionato il mondo dal 1990. Abbiamo avuto la bolla di Internet dell'anno 2000, la sua esplosione, quindi una rinascita che è andata e va ben oltre la follia iniziale.

Per convincersi, basta osservare il prezzo del Nasdaq-100. Anche se ci sono voluti 16 anni (2000-2016) per riacquistare il massimo e superarlo, il prezzo è oggi più alto. La tendenza è questa volta chiaramente rialzista e non vediamo cosa potrebbe fermare questa frenesia tecnologica.

Occorrerà quindi aspettare una buona quindicina di anni prima di ritrovare il Bitcoin ad un valore di $ 20.000? La pazienza è la parola chiave …

I punti da tenere sott’occhio

Ci sono diversi fattori da considerare per vederci più chiaro nel futuro del Bitcoin.

Innanzitutto, la liquidità e il flusso di cassa sono la materia prima di qualsiasi mercato. Non è escluso che gli acquirenti tornino nuovamente in massa e i venditori tornino a comprare nuovamente il Bitcoin se il mercato si comincia di nuovo ad eccitarsi un po’. In altre parole, lasciamo che l’offerta e si esprimano da sole…

D'altro canto, la regolamentazione avrà un ruolo importante da svolgere. Oggi, le criptovalute sono viste da alcuni burocrati quasi come una truffa, e i partecipanti di questo mercato come cowboy nel migliore dei casi, per non parlare di qualcos'altro.

Ma se si è un po’ cinici, le regole del mercato dovrebbero andare nella direzione delle cripto valute, perché è un mercato potenzialmente molto redditizio anche per le istanze nazionali e internazionali. Se c'è davvero un sacco di soldi da fare, questi stessi burocrati non se ne priveranno di certo!

Parallelamente, la presenza di fondi di investimento e di grandi banche sul mercato non sarà da trascurare. Se le cripto valute diventa professionali, come sembra essere già il caso, assisteremo all'inizio di una normalizzazione e del ritorno del Bitcoin.

Infine, non dimentichiamoci la famosa Blockchain. Discretamente, dozzine di start-up stanno sviluppano dei prodotti che utilizzano questa tecnologia. Con il tempo e gli sviluppi, non è impossibile che il Bitcoin diventi una valuta di riferimento, sapendo che allo stesso tempo le altre criptovalute non varrebbero più nulla.

Il Bitcoin emergerebbe allora come il grande vincitore di questa nuova era digitale. Esiste un'alternativa: trovare una nuova valuta digitale, che potrebbe già esistere, e che rimpiazzerebbe allo stesso tempo il Bitcoin e tutte le altre criptovalute.

Il dado è tratto, dobbiamo ora solo identificare questa nuova pepita d’oro.

Ultimo aggiornamento il 04/12/18

Continuare questa discussione sul forum