Quali sono i più grandi trader della storia ?

Quali sono i più grandi trader della storia ?

Il trading è noto per essere un ambito rischioso, dove tutto può essere vinto o perso in una manciata di secondi. Nel corso della storia del trading si sono così fatte o distrutte delle fortune, ed è sempre interessante ricordare i punti salienti e i trader che hanno fatto la storia. Nel loro percorsi si nasconde sicuramente la chiave del successo! Tra i trader più conosciuti, 10 di loro si distinguono per il loro incredibile percorso.

1 – John Paulson

John Paulson

Alcuni dei migliori trader possono apparirci come degli indovini. Un esempio è il celebre caso di John Paulson, trader contemporaneo, che aveva previsto la crisi immobiliare statunitense dei « subprimes » e ha potuto approfittarne per realizzare un profitto enorme, guadagnando più di 15 miliardi di dollari con il suo fondo di investimento, che è stato così spinto al terzo posto a livello mondiale. Oggi si ritiene che sia lui il trader che ha fatto « the greatest trade ever », e questo mentre nessun altro aveva visto profilarsi questa crisi.

2- Jesse Livermore

Jesse Livermore

Andando indietro nel tempo, si trova la storia dell'americano Jesse Livermore, che aveva correttamente predetto i crolli del 1907 e 1929, e che approfittò anche di questi eventi per guadagnare una notevole quantità di denaro. Inoltre, è comunque oggi considerato come un pioniere dell’ambito speculativo, e questo in un'epoca in cui gli strumenti di analisi di mercato erano molto meno sviluppati rispetto ai giorni nostri.

3- Nicolas Darvas

Nicolas Darvas

Un altro esempio di successo nel campo del trading è quello di Nicolas Darvas, ballerino professionista che alla fine degli anni '50 trasformò un investimento iniziale di 36.000 dollari in più di 2,25 milioni! All'origine di questa storia di successo, egli semplicemente accetta di essere pagato in stock option, piuttosto che in contanti, e comincia quindi ad interessarsi da vicino a questo settore. Dopo una successione casuale di vittorie e fallimenti nella sua esperienza di trading, decise di mettere in atto una strategia sulla quale appoggiarsi, osservando attentamente le oscillazioni dei prezzi e estraendo da questa osservazione un piano molto fruttuoso.

4 – Sir John Templeton

Sir John Templeton

Uno dei migliori trader della storia, Sir John Templeton, quanto a lui ha sviluppato il suo lato avventuroso, essendo stato uno dei primi investitori stranieri in Giappone, e questo negli anni '60, poco prima che il paese iniziasse i suoi 30 anni di successo economico costante.

5- George Soros

George Soros

Più contemporanei, altri trader sembrano avere un'infallibile resistenza, meticolosi e calcolano con attenzione i loro rischi, ma sempre alla ricerca di nuove opportunità di mercato. Questo è per esempio il caso del celebre George Soros, noto come « l’uomo che ha fatto saltare la banca d’Inghilterra »  Molto giocane, creò il suo fondo di investimento, che diventerà la prima pietra del suo futuro impero finanziario. Durante la grande crisi del 1992, specula su una caduta della sterlina e provoca in tal modo delle fluttuazioni tali che la valuta britannica è costretta ad uscire dal sistema monetario. Quella bravata lo portò a guadagnare quasi un miliardo in una notte !

6- Paul Tudor

Paul Tudor

Tra i contemporanei di George Soros, si può anche citare Paul Tudor, fondatore del fondo di investimenti Tudor, che rappresenta oggi più di 12 miliardi di dollari. Già un habitué dei mercati, fu durante il crollo del 1987, durante il lunedì nero, che Paul Tudor fece la sua fortuna.

7 - Louis Bacon

Louis Bacon

Louis Bacon può essere collocato nella categoria dei trader visionari. Aveva infatti predetto che Saddam Hussein avrebbe attaccato il Kuwait e aveva quindi effettuato di conseguenza delle mosse finanziarie. Aveva anche previsto la rapida vittoria degli Stati Uniti contro l'Iraq. In entrambi i casi, in aggiunta ai profitti in termini di trading, Louis Bacon per lo più scommise su dei possibili fatti geopolitici e li integrò nella sua strategia d'investimento.

8 - Andrew Hall

Andrew Hall

Andrew Hall si è fatto un nome negli anni 2000 grazie al petrolio, scommettendo su un aumento fino a 100 dollari al barile in 5 anni, quando questo era ancora solo a 30 dollari. Nel 2008, il barile supera i 100 dollari, e Andrew Hall riceve più di 100 milioni di dollari su questo deal, che è riuscito a realizzare unicamente grazie al suo brillante spirito analitico.  

9 - David Tepper

David Tepper

Il più grande successo di David Tepper in termini di trading ebbe luogo nel 2009, quando ebbe il coraggio di riacquistare le azioni di diverse banche, come la Bank of America o Citigroup, allora ad un minimo, le quali sono poi risalite nel corso dello stesso anno, consentendogli di realizzare un utile personale stimato in 4 miliardi di dollari.

10 - Warren Buffett

Warren Buffett

Certo, sarebbe difficile concludere questo articolo sui migliori trader della storia senza parlare di Warren Buffet, uno stratega del trading, che investì solo nel lungo periodo e su delle imprese a suo avviso sottovalutate, e delle quali comprende perfettamente il meccanismo. La sua fortuna personale è oggi stimata in oltre 53 miliardi di dollari.

Mentre alcuni trader non hanno mai lasciato la loro passione, altri hanno in seguito perseguito altre carriere, e questo è il caso per esempio di John Key, Primo Ministro neozelandese, o anche di Jimmy Wales, fondatore del sito Wikipedia. La loro riuscita non è quindi limitata a qualche successo di rilievo nei mercati finanziari, ma è continuata oltre, dimostrando bene la qualità del loro ragionamento, sia nel campo del trading che in altri campi.

Il mondo del trading è affascinante e i suoi attori sono ancora più interessanti per il fatto che, nonostante sembrino abbastanza saggi se guardati dall'esterno, non esitano tuttavia ad assumere dei grandi rischi per seguire i loro istinti, le proprie strategie, per riuscire talvolta quindi a piazzare dei colpi storici e redditizi!

Ultimo aggiornamento il 02/05/18

Continuare questa discussione sul forum