Trump presidente : quali conseguenze per l’economia mondiale ?

Trump presidente : quali conseguenze per l’economia mondiale ?

Quando Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti lo scorso novembre, un'ondate di stupore ha colpito molti paesi e molti americani. Questo candidato eccezionale che ha fatto una campagna elettorale clamorosa non aveva veramente un profilo professionale. Eppure, a partire dal 20 gennaio 2017 è al comando degli Stati Uniti. Il giorno dopo il suo insediamento, ha iniziato ad applicare alcune misure chiave del suo programma, destabilizzando da un lato gli Stati Uniti, ma dall'altro anche nel resto del mondo. Donald Trump è ora visto da molti come una vera minaccia, e le sue prime azioni e dichiarazioni non hanno rassicurato né la Francia né l'economia globale.

Le conseguenze economiche della politica di Trump

Negli Stati Uniti

A livello nazionale, Trump ha già preso dei provvedimenti che interesseranno direttamente l'economia americana. Si tratta ad esempio della soppressione de l’Obama Care, un sistema di assistenza sanitaria universale che secondo Trump costerebbe troppo al contribuente e che sarà sempre cancellato. A breve termine, questa decisione provocherà la riduzione dei premi assicurativi per le classi medie e superiori, che permetteranno loro di riconquistare potere d'acquisto. A lungo termine, questo significa cure mediche di più scarso livello per le classi più svantaggiate, e il rischio di proliferazione di malattie gravi.

Un'altra misura che dovrebbe essere presa a breve è quella relativa alla diminuzione delle imposte. Le tasse sulle imprese passerebbero dal 25% al 15%, e le imposte sui privati verrebbero limitate al 25%, contro l'attuale 40%. L'obiettivo di Trump è infatti quello di rilanciare l'economia nazionale. Ma ci sono prove che, lungi dal raggiungere l'obiettivo previsto, un taglio delle tasse non è sempre positivo, portando solitamente ad un aumento del debito pubblico e del deficit. 

 All’estero

Da un punto di vista internazionale, Trump si è detto a favore del protezionismo durante tutta la sua campagna. L'idea è quella di promuovere la produzione e il consumo americano tassando i prodotti di importazione a vantaggio di quelli nazionali. A tal fine, Trump vuole rinegoziare gli accordi di libero scambio che legano gli Stati Uniti ad altri paesi come il Messico o l'Unione Europea.

Uno dei principali paesi con cui Trump vuole rinegoziare gli accordi commerciali è la Cina. Durante la sua campagna, aveva dichiarato:

« Hanno preso i nostri posti di lavoro, hanno preso i nostri soldi. Hanno preso tutto, ha detto a proposito del governo cinese. Quello che ci hanno fatto è la più grande truffa della storia dell'Umanità ».

L'idea è quella di imbarcarsi in una vera e propria guerra commerciale. Altri paesi gravemente colpiti, il Messico, la cui produzione è dedicata per oltre l'80% all'esportazione verso gli Stati Uniti.

Per Donald Trump, il ripristino delle barriere doganali permetterebbe di dopare l'industria americana, creando 25 milioni di posti di lavoro in dieci anni raggiungendo una crescita del 4%. Ma gli economisti non sono tutti d'accordo con questa proiezione, perché i prodotti americani saranno in questo caso più costosi, un handicap per le loro esportazioni. Anche le importazioni sperimenterebbero un rallentamento. Le misure protezionistiche potrebbero quindi portare piuttosto ad un calo dell'attività economica.

 In Europa

Il commercio internazionale rischia di soffrire del programma applicato da Trump. In effetti, questa politica degli Stati Uniti potrebbe causare una guerra valutaria e un aumento dei tassi di interesse. Inoltre, Donald Trump è convinto che gli Stati Uniti spendano troppi soldi per la sicurezza dei suoi alleati, in particolare in Europa. Quest'ultima potrebbe quindi essere costretta ad aumentare la propria spesa militare per rafforzare il suo dispositivo, in particolare contro la Russia.

Donald Trump e il clima

Donald Trump a sempre dichiarato di non chiedere al riscaldamento globale. Durante la sua campagna, ha più volte minacciato di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi. Anche se dal momento della sua elezione il suo atteggiamento in materia è meno chiaro, rimane ciononostante evidente che Trump non metterà la questione ambientale al centro della sua politica. A prova di ciò, Scott Pruitt, uno noto scettico sulle conseguenze climatiche, è stato nominato a capo dell'Agenzia di Protezione Ambientale. E questo mentre gli Stati Uniti sono uno dei principali responsabili delle emissioni di CO2 nel mondo.

La questione dell’immigrazione

Una settimana dopo la sua investitura, Trump ha promulgato un primo decreto « anti-immigrazione  » contro sette paesi a maggioranza musulmana : l’Iran, l’Iraq, la Libia, la Somalia, il Sudan, la Siria e lo Yemen, e questo per una durata di 3 mesi. Attraverso questo decreto, i cittadini di questi paesi sono infatti più autorizzati ad entrare nel territorio degli Stati Uniti. Questa misura non si applica in ultima analisi ai titolari di una carta verde. E non si applica nemmeno ai francesi originari di questi paesi, naturalizzati con doppia cittadinanza, questo a seguito di un negoziato tra il ministro degli esteri francese e Washington. Quindi, un franco-iraniano, per esempio, può ancora recarsi negli Stati Uniti. Ma per i cittadini di questi sette paesi, si tratta di un vero e proprio decreto anti-musulmani, che potrebbe durare più dei 3 mesi annunciati.

L'immigrazione messicana è un altro problema di cui Trump ha molto parlato durante la sua campagna, esprimendo chiaramente la volontà di costruire un muro al confine tra i due paesi e restituire tutti i clandestini presenti sul territorio americano. Di fronte a queste affermazioni, il presidente messicano ha cancellato la sua visita negli Stati Uniti, prevista per la fine di gennaio.

I primi giorni della presidenza di Trump hanno già dimostrato gli sconvolgimenti prossimi a venire. Questi si fanno ben sentire sui mercati azionari globali, con gli indici che cadono verso il basso di fronte alla minaccia rappresentata da Donald Trump in termini di stabilità e di crescita economica. Infatti, ricordiamoci che ai mercati finanziari non piace l'incertezza e reagiscono di fronte all'imprevedibilità del presidente americano.

Ultimo aggiornamento il 06/02/17

Commenti (0)

Scrivere un commento