Il PETRO : la prima criptovaluta di stato.

Il PETRO : la prima criptovaluta di stato.

Il Venezuela ha appena lanciato la prima criptovaluta di stato al mondo: il PETRO. La valuta sarebbe garantita dalle riserve in petrolio del paese (tra le più importanti al mondo) con un prezzo che sarebbe calcolato su quello del barile venezuelano al fine di evitare un'eccessiva volatilità.

Il prezzo di emissione è stato fissato a 60 USD per un PETRO, cioè circa 48 €. Il governo spera di emettere fino a 100 milioni di PETRO (6 miliardi di USD) e per il suo primo giorno sono stati creati 735 milioni di USD.

Una valuta di stato virtuale, per quale scopo?

Con il PETRO, il governo venezuelano cerca innanzitutto una nuova fonte di finanziamento, perché l'economia del paese è oggi in forte crisi e anche senza fiato: iperinflazione con oltre il 600% di aumento nel 2017, tasso di disoccupazione di più del 25%, recessione economica con un calo del PIL del 12% lo scorso anno, mancato pagamento del debito, blocco dei finanziamenti in valuta estera da parte degli Stati Uniti, tensioni politiche…

In questo contesto, la creazione di questa nuova criptovaluta sembra avvantaggiare un piano di salvataggio dell'ultimo minuto piuttosto che una reale volontà di essere all'avanguardia nell'innovazione e nello sviluppo. Il governo cerca di sfruttare la moda delle valute virtuali per attirare fondi nel paese, evitando le barriere finanziarie americane sulle valute regolamentate.

I vantaggi / svantaggi di questa valuta ?

L'arrivo di questa valuta è osservato in modo molto prudente, se non con scetticismo, dagli analisti finanziari per le ragioni sopra menzionate, specialmente perché la creazione del PETRO, contrariamente alle altre criptovalute, sarà centralizzata e gestita dal governo venezuelano, che, si ricorda, è uno dei più instabili e corrotti del mondo. Un forte freno per attirare nuovi investitori che non beneficerebbero di un quadro giuridico stabile…

Inoltre, è in parte il fatto che le cripto-valute sono indipendenti dagli stati che contribuisce al loro successo. Se domani un paese avesse il controllo su Bitcoin e potesse regolarlo a suo piacimento, si può con certezza scommettere che gli investitori perderebbero interesse, soprattutto se il paese è insicuro politicamente ed economicamente. Si noti inoltre che il prossimo aprile le elezioni presidenziali potrebbero nuocere al PETRO se il nuovo presidente non appoggiasse più il progetto e decidesse di rendere illegale la valuta.

Per quanto riguarda la garanzia del PETRO in barili reali di petrolio, questi non sono ancora stati estratti dal sottosuolo. Anche se le riserve sono effettivamente presenti, i disaccordi politici potrebbero impedire la loro estrazione e quindi ridurre notevolmente la qualità della garanzia, che è reale, e che rappresenta una risorsa di cui le altre criptovalute non beneficiano.

Il PETRO gode anche di una protezione contro la speculazione a oltranza. Infatti, poiché il suo prezzo è indicizzato su quello del barile di petrolio, la volatilità dei prezzi non dovrebbe essere così importante come per il bitcoin, ad esempio. Come promemoria, il suo prezzo è passato da 1.000 USD a 20.000 USD quindi a 10.000 USD in meno di un anno. Ma la mancanza di stabilità è un freno allo sviluppo, perché comporta un'incertezza che scoraggia gli investimenti.

Il PETRO infine, successo o fallimento?

È troppo presto per pronunciarsi sul futuro del PETRO. Sapendo che il contesto in cui è stato creato non è sano. In effetti, non mira ad adattarsi alle nuove valute virtuali e a posizionare il Venezuela come leader nel campo, ma piuttosto a eludere le barriere e le sanzioni politiche internazionali. Ciò non rappresenta una buona fonte di motivazione all'investimento straniero.

Resta da vedere la serietà della gestione del governo venezuelano, in particolare nella liquidità della valuta e nella qualità delle garanzie che consentono di presentare un minimo di sicurezza per gli investitori.

Tuttavia, se PETRO arrivasse a svilupparsi, rappresenterebbe un esempio per gli altri paesi. La possibilità di attrarre nuovi investimenti attraverso dei sistemi di finanziamento diversi dai circuiti classici. E questo senza subire i vincoli di altri paesi (blocco, embargo, ecc.). Ciò aprirebbe ugualmente la strada alla « normalizzazione » delle altre criptovalute.

Ultimo aggiornamento il 27/02/18

Continuare questa discussione sul forum