Estensione delle misure restrittive sui CFD

Estensione delle misure restrittive sui CFD

L'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati* (ESMA) ha rinnovato le restrizioni, in vigore dal 1° agosto, applicabili alla commercializzazione, distribuzione o vendita di Contratti per differenza (CFD) ai singoli clienti.

Questa estensione di queste restrizioni entrerà in vigore il 1 maggio 2019 per un ulteriore periodo di tre mesi.

Per l'ESMA, sussiste ancora un problema significativo di protezione degli investitori in relazione alla fornitura di CFD ai singoli clienti. Ha pertanto accettati di rinnovare le misure a decorrere dal 1° maggio 2019 alle stesse condizioni della precedente decisione di rinnovo, entrata in vigore il 1° febbraio 2019.

In pratica, il rinnovo delle restrizioni sui CFD si rivolge a :

I limiti dell'effetto leva sull'apertura di una posizione da parte di un determinato cliente da 30:1 a 2:1, variando in base alla volatilità del sottostante: (30: 1 per le principali coppie di valute; 20:1 per le coppie di valute non principali, l'oro e gli indici principali; 10:1 per prodotti diversi dall'oro e dagli indici non primari di titoli azionari; 5:1 per singoli titoli e gli altri valori di riferimento; 2:1 per le criptovalute.)

Una regola di chiusura dei margini per ciascun conto normalizzando la percentuale di margine (al 50% del margine minimo richiesto) a cui i fornitori sono tenuti a chiudere uno o più CFD aperti.

Una protezione contro il saldo negativo su una determinata base per conto. Ciò fornisce un limite globale garantito sulle perdite dei singoli clienti.

Una restrizione agli incentivi offerti per lo scambio di CFD.

Un avviso di rischio standardizzato, comprendente la percentuale di perdite sui conti degli investitori privati di un fornitore di CFD.

Queste regole non sono permanenti e si applicano solo per tre mesi. Ma l'ESMA può rinnovarle alla fine di ogni periodo di tre mesi.
Questo nuovo rinnovo entrerà in vigore dall'inizio di maggio fino alla fine di agosto e significherà che queste misure di intervento sui CFD sono in vigore da un anno..

Come promemoria, il trading di contratti per differenza consente di negoziare sui mercati finanziari senza dover acquistare o vendere un'attività sottostante. Un CFD è quindi un prodotto derivato che consente di essere presente sui mercati finanziari come le azioni, il Forex, gli indici e le materie prime senza dover possedere le attività sottostanti.

Pertanto, quando si negozia un CFD, si accetta di scambiare la differenza del prezzo del bene tra il momento in cui il contratto è concluso e il momento in cui viene chiuso. Uno dei principali vantaggi è quello di poter speculare sui movimenti del prezzo verso l'alto o verso il basso, e i guadagni realizzati dipendono dall'accuratezza della previsione..

Il trading su CFD utilizza l'effetto leva, al fine di aumentare la propria esposizione senza dover immobilizzare il costo totale non appena viene aperta la posizione. Ma questo effetto leva comporta dei rischi, ed è per questo motivo che sono regolati dalle misure restrittive dell'ESMA..

I CFD sono prodotti di trading interessanti ma rischiosi per i singoli clienti, il che significa che le restrizioni su questo argomento sono regolarmente rinnovate dall'ESMA.

Ultimo aggiornamento il 08/04/19

Continuare questa discussione sul forum