Lasciare il lavoro per diventare un trader : Buona o cattiva idea ?

Lasciare il lavoro per diventare un trader : Buona o cattiva idea ?

Diciamolo subito: è una pessima idea lasciare il proprio lavoro per vivere del proprio trading! Ripetiamolo di nuovo, non è davvero una buona idea! E per essere chiari, martelliamo con lo stesso messaggio ancora una volta: è un'idea molto rischiosa e pericolosa voler lasciare tutto per diventare un trader a tempo pieno !

Fatte le dovute precauzioni e avvertenze, cerchiamo di capire la logica dietro queste affermazioni e integriamo la realtà della vita. Sì, la vita, la vera vita !

Cosa vuol dire vivere di trading

Prima di intraprendere l'avventura del trading personale e di cercare di vivere di questo, è necessario porsi (e rispondere chiaramente preferibilmente) alle seguenti domande: cosa significa diventare un trader per conto proprio? Cosa significa vivere del proprio trading? Cosa implica questo per se stessi e per i propri cari? In termini concreti, come pagherò l'affitto, le mie spese correnti? Quanto ho bisogno per vivere ogni mese? Ecc.

La realtà è la seguente: un trader professionista, che lavora in banche, società di gestione, hedge fund, è stipendiato. Questo è il punto principale. Ha uno stipendio che non dipende dalla sua prestazione. Ha quindi un entrata monetaria ricorrente. Ha di che coprire i suoi bisogni personali su base giornaliera, di che pagare l'affitto o il suo credito, di che mangiare, ecc. La sua performance di trading avrà un impatto sul suo potenziale bonus alla fine dell'anno o all'inizio dell'anno successivo.

Il trader privato, quanto ad esso, colui che si lancia da solo e desidera lasciare il proprio lavoro, deve essere in grado di provvedere ai suoi bisogni ogni giorno, ogni mese. Sarà il suo stesso datore di lavoro e non avrà uno "stipendio". Dovrà quindi o godere di un grosso capitale di sicurezza e attingervi, o pagarsi ogni mese del denaro derivante dai suoi profitti di trading o dal suo conto di trading.

Tirare fuori la calcolatrice

Come per ogni attività, perché anche questa lo è, è giudizioso fare delle proiezioni finanziarie, delle stime. In primo luogo, scopri quanto hai bisogno per vivere su base mensile.

Sia che questo importo provenga da dei risparmi secondari o da guadagni di trading futuri, tutti "bruciamo denaro" in maniera costante, se non altro per mangiare!

Ad esempio: Mario (chiamiamolo così) vuole lasciare il suo lavoro, diventare un trader a tempo pieno e vivere di questa attività. Sommando tutte queste spese mensili (affitto, cibo, tempo libero, abbonamenti vari ...) arriva al numero di 3000 €. Ciò significa che ogni mese spende 3000 € tutto compreso per vivere. Dovrà essere in grado di pagarsi almeno 3000 € al mese. 

Due possibilità :

  1.  Ha dei risparmi e deve quindi calcolare quanti mesi può tenere con questo capitale
  2. Vuole pagarsi del denaro partendo dai suoi guadagni di trading. In questa ipotesi, egli deve determinare il livello di performance o di rendimento necessario da raggiungere in funzione del proprio capitale di trading di partenza. Se stima di aver bisogno di 3.000 € al mese (quindi 36.000 € all'anno) e di poter raggiungere il 10% della performance annuale, il suo capitale iniziale deve allora essere almeno: 36K/10% = 360.000 €. In altre parole, ha bisogno di un capitale di 360.000 € per pagarsi 3000 € al mese, sperando di ottenere una performance del 10%.

Naturalmente, l'ipotesi di una performance annuale del 10% può sembrare bassa, ma si deve essere conservativi.

Essere performanti sul lungo termine

In effetti, non è solo una questione di ottenere dei buoni risultati nell'arco di pochi mesi. Se decidi di lasciare il tuo lavoro, dovrai essere certo del lungo termine per diversi anni. Occorrerà fare delle performance ogni mese, ogni anno. Sarà necessario poter incassare i mesi vuoti, i mesi di perdite. Non sarà necessario scoraggiarsi. Sarà necessario essere perseveranti.

Al fine di mettere tutte le possibilità sul proprio lato, è meglio avere uno storico di trading di diversi anni. Quindi limitiamo le incertezze, anche se nulla dimostra che le prestazioni passate si ripeteranno in futuro.

Scommettere sulla sicurezza

Per ridurre i rischi, è quindi opportuno, prima di tutto, testare il concetto, cioè fare delle simulazioni di prestazioni, spese, costo della vita…

Inoltre, è preferibile, per non dire indispensabile, avere un materasso di sicurezza finanziaria. Oltre al capitale di trading previsto, occorre assolutamente avere un sostanziale risparmio separato per sopravvivere nei momenti difficili.

Nelle proiezioni, essere prudenti e cauti è fondamentale. E’quasi impossibile realizzare continuamente delle buone performance.

Conclusione 

Avrete ben capito che il desiderio di diventare un trader indipendente e fare di questo la propria attività principale richiede una buona riflessione ed una certa esperienza. 

Si deve evitare a tutti i costi di fantasticare o sognare: vivere di trading è molto difficile e la maggior parte della gente non ci riesce e non ci riuscirà mai. I trader professionisti hanno dei salari, sia che guadagnino sia che perdano nei mercati.

D'altra parte, non dobbiamo trascurare l'aspetto psicologico. Dover ottenere dei risultati per vivere, l'obbligo di generare guadagni continui provoca stress e influenza i risultati.

Un consiglio quindi: mantieni il tuo posto di lavoro, costruisciti altrimenti un reddito "passivo" (come con gli immobili per esempio) e quando avrai una fonte di reddito diversa dal lavoro, allora lanciati anima e corpo nel trading !

Ultimo aggiornamento il 29/04/19

Continuare questa discussione sul forum