Referendum sulla Brexit: è il momento per una rivincita?

Referendum sulla Brexit: è il momento per una rivincita?

Due anni dopo che gli elettori britannici hanno deciso di lasciare l'UE, i negoziati sulla Brexit sembrano essere in una sorta di stallo. Tuttavia il Paese ha una certezza: la Brexit sarà un processo lungo, doloroso e costoso.

Questo è il motivo per cui, solo una settimana fa, il The Independent si è rivolto al pubblico attraverso una petizione per chiedere al governo un secondo referendum. Ad oggi, oltre 500.000 persone hanno firmato la petizione per dire l'ultima parola sull'affare Brexit di Theresa May.

Tuttavia, il primo ministro ha assicurato che

“Stiamo lasciando l'UE e non si discute nemmeno su un secondo referendum o di un ritorno, e penso che ciò sia importante. Le persone nel Regno Unito sentono fortemente che se si prendono una decisione, i governi non possono voltarsi e tornare indietro dicendo, no, ci siamo sbagliati”.

Perché la necessità di un secondo referendum?

Il motivo per cui il The Independent, il deputato conservatore Justine Greening e molti altri politici e membri del pubblico richiedono un secondo referendum è semplicemente perché il primo era basato sulla speculazione e il secondo sarebbe basato sui fatti. Molti sostengono che un secondo referendum permetterebbe alla popolazione di rivedere la propria decisione, dal momento che la campagna sull’Uscita dall’UE ha infranto la legge elettorale e ha trasmesso informazioni false per influenzare gli elettori a modo loro. Sembra anche chiaro che la Brexit renderà le importazioni, le esportazioni e le attività internazionali significativamente più complicate e costose. Molte multinazionali hanno già minacciato di lasciare il Regno Unito, alcune già lo hanno fatto.

In breve: sappiamo molto di più sulle conseguenze dell’uscita dall'UE di quanto non sapessimo due o tre anni fa. Perché non incoraggiare una scelta più informata?

Un altro motivo per cui un secondo referendum potrebbe essere necessario è che il governo di Theresa May non può, per legge, firmare un accordo Brexit con l'approvazione dei parlamentari. Da quanto è emerso nelle scorse settimane, sembra che il Parlamento sia incline a rifiutare qualsiasi accordo possa essere presentato dalla Mail, i Laburisti hanno imposto delle condizioni apparentemente impossibili da soddisfare, e persino il partito conservatore sembra voltare le spalle al suo leader. Tutto sommato, l'approvazione da parte dei parlamentari della questione Brexit della May è altamente improbabile. Quindi, come può il governo rompere la situazione di stallo? Semplicemente coinvolgendo la popolazione del Regno Unito nel processo decisionale - ancora una volta.

Cosa c’è di diverso questa volta?

Prima di tutto, la Brexit non è più un lontano sogno utopico (o incubo). I negoziati che sono in corso da due anni hanno reso la fuoriuscita del Regno Unito dall'UE molto più tangibile.

Ad esempio, coloro che avevano sperato e previsto un glorioso futuro per il paese hanno dovuto fare i conti con la realtà della Brexit.

Il primo referendum è stato l'archetipo della politica dell'identità, facendo appello a coloro che erano nostalgici di un'epoca diversa e che non erano riusciti a fare i conti con la Gran Bretagna di oggi e il suo posto all'interno dell'UE e del mondo. Di conseguenza, la decisione degli elettori di lasciare l'UE non è stata una sorpresa: promesse di maggiori fondi per il servizio sanitario nazionale, restrizioni dell'immigrazione più stringenti e soddisfazione data dalla rinascita di un impero Britannico. Come si poteva resistere? Come con la maggior parte delle elezioni, i risultati di entrambi gli esiti sono stati un'area grigia. Quale accordo con l'UE ne sarebbe derivato? Cosa significherebbe ciò per le relazioni del Regno Unito con gli Stati Uniti e il resto del mondo? Il Regno Unito prospererebbe con i propri soldi senza fare affidamento sulle sovvenzioni UE? Ci sarebbero limiti all'immigrazione in modo da rendere il paese "un po' più britannico"?

Il secondo referendum sarebbe leggermente diverso. La domanda non è più "Dovrebbe il Regno Unito lasciare l'UE?", Ma piuttosto "Il Regno Unito è felice dell'accordo della May sulla Brexit?". Ciò darebbe al pubblico l'opportunità di esprimere la propria opinione sull'accordo finale, piuttosto che sulle promesse vaghe e idealistiche che gli erano state date nel 2016.

Mentre le prospettive a lungo termine per la Gran Bretagna dopo la Brexit sono ancora incerte, la Gran Bretagna a breve termine si trova in un lungo e difficile viaggio con poche promesse di prosperità economica e sociale. Se gli elettori britannici votano contro l'accordo sulla Brexit di Theresa May e decidono di rimanere nell'UE, resta da vedere se l'UE è disposta a far rientrare il Regno Unito.

Ultimo aggiornamento il 21/08/18

Continuare questa discussione sul forum